Sabato, 18 Aprile 2015 00:00

Tecnologia, smartphone e App Spia: Il 21° secolo di sorveglianza a livello personale

La mappa e il territorio

Nella breve storia di Jorge Luis Borges ', "L'esattezza nella Scienza", i cartografi di un certo regno diedero vita ad una mappa in scala 1: 1 che era perfettamente dettagliata e delle medesime dimensioni del regno stesso.

Trovo questa immagine intelligente per essere una metafora di ciò che sta accadendo oggi in quello che potrebbe essere chiamato come "L'era delle iper informazioni". Le nostre grandi capacità di archiviazione informatica, assieme alla capacità di raccogliere ed ordinare digitalmente ed istantaneamente le informazioni di miliardi di singoli collegate ad internet, computer, smartphone, telecamere di sorveglianza, ecc, ha creato uno specchio virtuale del mondo in cui viviamo, una mappa in scala reale della nostra realtà quotidiana.

mindQuesta mappa, o specchio, è incredibilmente dettagliata e interconnessa, si tratta di un multiverso olografico virtuale di nostra creazione come società, in cui ogni singolo pezzo di informazioni può essere collegato al resto e dove ogni frammento di tali informazioni può avere forti implicazioni quando viene legato ad altri significativi frammenti.

Ad esempio, un singolo GPS di un cellulare, se viene legato ad un altro elemento come ad esempio un messaggio di testo o ad un gruppo di dati, potrebbe essere sufficiente per formare la base per una condanna penale. Lo stesso tipo di combinazione di dati, potrebbe anche salvare la vita di un bambino che è stato rapito, o persino dare ad un governo oppressivo le informazioni necessarie per imprigionare un soggetto ritenuto un dissidente.

È stato detto che tutta la tecnologia è neutrale e che in base a come viene utilizzata, determina se il suo impatto sia positivo o negativo. Naturalmente, il detto "L'informazione è potere" è più vero che mai, e non importa quanto venga citato.

La conclusione è che la tecnologia è qui per restarci e la mappa (o specchio) del nostro mondo è diventato un'influenza integrale del modo in cui viviamo la nostra vita quotidiana.

Il frutto dell'albero dell'informazione

Nonostante il rischio di scavare troppo in profondità nelle implicazioni metafisiche di ciò che è l'interconnessione digitale della nostra mappa/specchio, vorrei richiamare un altro parallelismo con la letteratura, ovvero la storia della creazione nel capitolo Genesi della Bibbia. La parte in cui Adamo ed Eva guadagnano consapevolezza di loro stessi al punto da mangiare il frutto dell'albero della conoscenza.

Sia che crediate o meno nella Bibbia, la storia potrebbe anche essere una metafora di ciò che ci è accaduto nell'era digitale. Questo perchè in un certo senso, noi stiamo assaggiando il frutto dell'albero delle informazioni, l'"albero" è la rete che oggi sembra apparentemente illimitata di dati che riflettono le nostre azioni, i nostri pensieri e i nostri movimenti. Una rete che può essere usata per controllare noi stessi come individui, ma che offre anche a quegli stessi individui una misura di controllo sulla nostra vita e su quella degli altri.

Ed ora che abbiamo assaggiato il frutto, per modo di dire, dobbiamo decidere come utilizzarne le conoscenze acquisite. Forse non siamo diventati più autocoscienti, ma di certo abbiamo creato una rete basata sulla tecnologia che è una nostra conoscenza. Tale rete è a conoscenza persino dei dettagli, minuto per minuto, della nostra vita, quando ha accesso a livelli profondi.

Ad esempio, se un agenzia di intelligence o legislativa sceglie di esaminare le azioni e gli spostamenti di un individuo, ora può farlo in maniera esaustiva, a meno che l'individuo sia molto abile nel coprire le proprie tracce, o sia totalmente scollegato da Internet o da qualsiasi altra rete digitale, praticamente una rarità al giorno d'oggi.

Oggi, la persona media possiede uno smartphone e comunica regolarmente online o per telefono. Inoltre, vive e opera all'interno di un sistema in cui le telecamere di sorveglianza sono ovunque, pertanto, anche se non possiede un dispositivo mobile digitale, spesso diventa comunque un soggetto abbastanza facile da seguire nei suoi spostamenti. E con la tecnologia di riconoscimento vocale e facciale, si raggiungono nuovi (e anche un po' inquietanti) livelli di precisione, diventa così molto difficile per chiunque nascondersi se un'ente con accesso alla tecnologia vuole trovarlo o seguire i suoi spostamenti e le sue azioni.

Il Giudizio dall'alto

Con l'avvento di sofisticate capacità di raccolta e di elaborazione delle informazioni, ai governi e alle agenzie sono stati concessi poteri di osservazione sugli individui quasi divini. Come Babbo Natale, la NSA ed ogni altra agenzia "autorizzata" o ente, ora è a conoscenza di quanto hai dormito, di quando ti sei svegliato, di quando sei stato buono o cattivo, anche se, in realtà, ciò che determina cosa è "buono" o "cattivo" è un giudizio piuttosto soggettivo.

Le fughe di Edward Snowden sono servite a darci un quadro più netto di quante informazioni vengono raccolte, non soltanto da coloro che sono sospettati di irregolarità o di potenziali atti illeciti, ma anche di quelle appartenenti alla gente comune che non ha legami con il terrorismo o con le attività criminali.

Il dibattito su come e perché i governi raccolgano ed analizzino i dati riguardanti i propri cittadini e gli altri, anche se non hanno il diritto di farlo (e se sì, in che misura tali diritti dovrebbero estendersi) è oggetto di un dibattito di massa, un dibattito che va ben oltre la portata di questo articolo.

In realtà, ciò che voglio evidenziare, è la questione di come gli individui dovrebbero usare il loro accesso alle tecnologie di raccolta delle informazioni, quelle che in sostanza ci offrono la possibilità di essere noi stessi delle agenzie di spionaggio. Oggi, come individui, abbiamo la possibilità di spiare la nostra famiglia e i colleghi, e questo è ciò che desidero esplorare, ma c'è un'analogia da fare tra gli aspetti macro e micro nell'era digitale della sorveglianza.

Come sopra, così sotto

Mi è sempre sembrato ovvio che il modo in cui la nostra società è strutturata su larga scala, si rifletta anche sulla piccola scala come ad esempio il nucleo familiare o una piccola impresa. È un vero dilemma, ma sembra che l'unità familiare ricordi l'operato di governi o di altri soggetti globali come le sette religiose.

Dato che le famiglie esistevano ancor prima dei governi e delle religioni, credo che si possa dire che le strutture di quest'ultima riflettano la prima. In poche parole, i governi e le religioni hanno per la maggior parte una struttura gerarchica, di solito patriarcale, una struttura in cui un'autorità centrale (si spera benevola) possiede il diritto (sia democraticamente concesso o altro) di condurre, giudicare e punire quelli sotto il suo dominio.

Una questione di gradi?

Credo che la maggior parte delle persone sarebbe d'accordo che per ciò che riguarda la raccolta dell'intelligence e la sorveglianza del governo, non è un problema se ciò deve essere consentito, ma piuttosto che misura debba raggiungere.

È giusto farlo nell'interesse di prevenire attacchi terroristici, tenere d'occhio gli spostamenti e le comunicazioni di coloro che potrebbero essere ritenuti potenziali minacce? Probabilmente la maggior parte delle persone direbbe "Sì."

Ma al governo dovrebbe essere consentito anche raccogliere e memorizzare le informazioni riguardanti i suoi cittadini in nome della sicurezza nazionale? I documenti scovati da Edward Snowden, hanno rivelato un livello di sorveglianza da parte delle agenzie di intelligence statunitensi inerenti i comuni cittadini al punto che molti, se non la maggioranza, hanno trovato questo comportamento troppo invasivo.

Il concetto di privacy e di diritto sembrano essere stati calpestati, e non solo per il modo in cui vengono utilizzati dai governi e dagli altri soggetti, ma mediante la natura stessa della tecnologia. I meccanismi che rendono le nostre vite moderne così collegate tra loro, sono, per loro stessa natura, la rimozione di tutti i veli di privacy che un tempo davamo per scontato.

L'occhio che vede tutto

usFino a mezzo secolo fa, quando i dispositivi per le intercettazioni iniziarono ad essere usati abbastanza frequentemente dalle forze dell'ordine e dai servizi segreti, il concetto di chiudere porte e finestre per avere un po' di privacy era vitale. Anche durante il culmine della guerra fredda (la prima) e gli anni di J. Edgar Hoover all'FBI, le intercettazioni e gli altri metodi di sorveglianza elettronica erano relativamente limitati e venivano utilizzati soltanto per monitorare una piccola parte della popolazione, ovvero criminali sospetti, sovversivi e nemici politici.

Oggi però, se un intelligence o un'agenzia legislativa volesse controllare chiunque, per qualsiasi scopo o con qualsiasi giustificazione, potrebbe farlo facilmente. In pochi minuti e con l'uso delle tecnologie, Snowden ed altri hanno descritto che le comunicazioni e i movimenti di un individuo possono essere rivelati ed esaminati con dettagli completi e minuziosi.

Non è più necessario "inserire un bug" nel telefono di qualcuno o in ufficio, in camera da letto o in camera d'albergo, basta semplicemente attivare il microfono integrato del telefono cellulare dell'individuo.

Altre tecnologie 'intelligenti' come ad esempio l'ultima generazione di televisori ed altri dispositivi facente parte del crescente "Internet delle cose", possono raccogliere informazioni come immagini, video, audio e dati di utilizzo.

In poche parole, il nostro ambiente sempre più digitalizzato ed interconnesso, controlla costantemente le nostre azioni, se un'informazione viene cercata ed è accessibile o meno. Ecco perché molte persone si disinteressano dicendo "Non ho nulla da nascondere, quindi non ho nulla di cui preoccuparmi."

La persona media dovrebbe essere preoccupata?

Molte persone si sentono sicure nella consapevolezza che ci sono così tante informazioni in fase di raccolta, che nessuna agenzia o ente avrebbe eventualmente il tempo o la voglia di monitorarle singolarmente, anche se, per fare un esempio, scaricare occasionalmente un film da un sito pirata equivale a commettere un atto illegale. Il concetto di sicurezza nei numeri, offre loro ciò che alcuni considererebbero un falso senso di sicurezza.

Ovviamente, quando scaricate l'ultima stagione della vostra serie TV preferita da Pirate Bay senza pagare, le probabilità che nessuno verrà a bussare alla vostra porta per arrestarvi saranno basse.

Immaginate però fra dieci anni se doveste candidarvi per una poltrona o per un lavoro che richiede un controllo approfondito, con qualcosa del vostro passato che è stato registrato ed archiviato come ad esempio un'indiscrezione coniugale scoperta nelle e-mail e nelle telefonate, o una registrazione dove guidate altre i limiti consentiti e venite arrestati per guida in stato di ebbrezza, a quel punto allora potreste pensarla diversamente.

A meno che non siate persone particolarmente circospette e moralmente corrette, c'è qualcosa  nel vostro passato che potrebbe essere usato per mettervi in imbarazzo o coinvolgervi in qualche modo. E, al livello attuale della tecnologia, questo "qualcosa" non è solo probabile che sia stato registrato e conservato in qualche modo, ma che non verrà mai cancellato.

Questo particolare tipo di scenario potrebbe diventare o meno una realtà per la maggior parte delle persone, ma per coloro che vogliono riflettere sul potenziale di tali tecnologie e sul loro uso, questi sono materia di domande.

Come ho già detto, questi grandi dilemmi sociali riguardanti l'uso della tecnologia di sorveglianza e della raccolta di informazioni, non sono il vero obiettivo di questo articolo. Volevo semplicemente far notare che esiste un parallelo tra ciò che gli enti generali sono in grado di fare in tali termini e cosa è possibile anche in micro scala.

In altre parole, come individui oggi abbiamo anche accesso a mezzi di sorveglianza molto potenti. Difatti è possibile spiarci ampiamente l'un l'altro, coniugi, figli e dipendenti. E, naturalmente, a loro volta, anche loro possono spiare noi...

Il resto di questo articolo sarà dedicato ad esaminare lo stato attuale del potenziale di sorveglianza a disposizione di individui e le implicazioni etiche e giuridiche che ne derivano.

Prima di tutto però, diamo uno sguardo a come la tecnologia, in particolare la tecnologia mobile (come ad esempio gli smartphone), abbia invaso e trasformato completamente le nostre vite.

L'era degli Smartphone

Come dovrebbe essere considerato, il primo smartphone sulla scena è già un argomento di dibattito, ma a tutti gli effetti, la tecnologia è intorno a noi da poco meno di due decenni. L'aumento dell'utilizzo degli smartphone durante questo breve periodo è stato esponenziale, ed i progressi nella loro capacità sono stati incredibilmente rapidi, per non parlare del loro ampio scopo.

Alcuni dati statistici per vedere le cose nella giusta prospettiva:

L'80% di tutti gli adulti online possiede uno smartphone
Nel 2014 sono stati venduti oltre 1,2 miliardi di smartphone, con un incremento del 28% dal 2013
L'uso dell'Internet mobile ha ormai superato l'accesso all'Internet fisso
Il 73% degli adolescenti americani ha accesso ad uno smartphone

usQuindi perché non possedere uno smartphone? Sono dispositivi diventati incredibilmente a buon mercato, un modello base possiede quasi tutta la potenza di un computer portatile e può essere acquistato per circa €100 o anche meno.

Gli smartphone sono dispositivi incredibilmente utili. Anche con i modelli più economici è possibile navigare in rete, scattare foto, giocare e, ovviamente, fare telefonate.

Smartphone più sofisticati,come l'iPhone 6, hanno un prezzo più alto, ma dato che il modello da $399 (negli USA) è dotato di 128 GB di spazio di archiviazione, è da ritenersi un prezzo piuttosto basso, soprattutto considerando quello di cui è capace.

Per molte persone, uno smartphone avanzato come l'iPhone 6 è praticamente il computer di cui necessitano. Ho amici che raramente utilizzano un computer portatile o un pc desktop al di fuori del posto di lavoro, poichè un buono smartphone è sufficiente per soddisfare le loro esigenze per restare connesso online.

Il lato negativo

Per quanto utili siano, gli smartphone hanno però anche i loro svantaggi. Uno di quelli ovvi è che creano dipendenza. Non credo di dover sottolineare il fatto che siamo diventati una società che trascorre la maggior parte del tempo online e gli smartphone hanno aggravato tale problema.

In verità, la nostra dipendenza da smartphone è diventato un argomento affrontato spesso da commentatori sociali, comici, psicologi e persone comuni che scuotono le loro teste alla vista di tale fenomeno. Si tratta di una preoccupazione più che legittima che verrà presa in esame più avanti in questo articolo.

Un altro aspetto negativo (oltre alla necessità delle frequenti ricariche), è il fatto che gli smartphone non contengono solo molte informazioni personali sensibili. Anche se i sistemi di sicurezza integrati sono in fase di miglioramento, è ancora relativamente facile per un ladro con un minimo di competenze tecniche poter accedere al contenuto di uno smartphone rubato.

Una volta che un malintenzionato accede ai contenuti di uno smartphone rubato, le informazioni in esso contenute possono essere usate in vari modi. I dati finanziari sono probabilmente la più grande preoccupazione, ma gli smartphone contengono anche molte altre informazioni personali dettagliate che possono essere utilizzate in svariati modi, come ad esempio il furto di identità.

Ma uno dei più grandi svantaggi riguardanti gli smartphone, è il fatto che questi dispositivi possono essere usati per raccogliere e trasmettere un'enorme quantità di informazioni di una persona mentre il dispositivo è in possesso all'utente stesso e senza che ne sia a conoscenza.

Smartphone e Privacy Personale

Quando pensate a tale proposito, non esiste un'altra finestra sulla vita personale di una persona del proprio smartphone o del tablet. Questi dispositivi non contengono soltanto un'enorme quantità di informazioni 'statiche' come dati finanziari, foto, video, liste di contatti, e-mail, testi, chat, password, ecc., ma possono anche essere un monitor in tempo reale della routine quotidiana dell'utente.

Molte persone non sono pienamente consapevoli del fatto che i dati registrati, archiviati e trasmessi da uno smartphone sono accessibili in remoto. Se disponete di un accesso remoto verso lo smartphone di qualcuno (e potenzialmente quasi chiunque lo possiede, poi spiegheremo questo più avanti), non solo potreste accedere a tutti i dati memorizzati all'interno del dispositivo, ma potreste anche utilizzare la funzione GPS incorporata per avere un vero e proprio occhio per conoscere la posizione del dispositivo.

E come se non fosse già abbastanza invasivo, con gli strumenti software di sorveglianza giusti (che sono più disponibili di quanto si possa immaginare), una persona fisica o giuridica può attivare a distanza la fotocamera integrata ed il microfono, trasformando così lo smartphone in un sofisticato dispositivo di spionaggio.

È abbastanza inquietante immaginare che il governo e le forze di polizia possano avere ed usare tali capacità, ma la realtà dei fatti è che anche la persona media ha accesso a tali metodi di spionaggio.

Spyware per le masse

Definizione del dizionario di "spyware": "Il software che raccoglie segretamente le informazioni su una persona o su un'organizzazione."

phoneLa maggior parte della gente pensa che lo spyware sia essenzialmente sinonimo di 'minacce', un pò come un 'bug' che infetta il computer quando si clicca erroneamente sul link sbagliato o si visita un sito web malevolo. Questo tipo di spyware viene spesso usato per raccogliere informazioni da più destinazioni e viene usato anche per diversi scopi da hacker senza scrupoli.

L'ampia definizione di spyware, include anche qualsiasi software di intelligenza ed agenzie legislative che lo utilizzano per spiare individui o organizzazioni.

Ma i tipi di spyware a cui ci rivolgiamo in questo articolo, sono famosi tra gli altri nomi anche come applicazioni spia, software di monitoraggio cellulare e tracciatori cellulari.

Ciò che molti non comprendono, è che queste 'applicazioni spia' sono disponibili all'acquisto da parte di chiunque e sono essenzialmente legali (almeno nel loro acquisto) ed hanno capacità ben superiori a ciò che la persona media potrebbe immaginare.

In poche parole, chiunque abbia accesso al vostro smartphone o tablet connesso a Internet, può installare un'app spia sul dispositivo in modo praticamente non rilevabile e può controllare tutte le attività che si verificano su di esso.
Queste applicazioni spia sono relativamente economiche, e, in base alla loro versione, possono fare di tutto, dal monitoraggio in tempo reale delle conversazioni telefoniche all'avviare un video di un ambiente nei dintorni del dispositivo utilizzando la sua fotocamera integrata. Tutte queste attività vengono monitorate in remoto e possono essere memorizzate o visualizzate in tempo reale.

Il costo di tali applicazioni spia è relativamente basso, ma generalmente, quelle con funzionalità avanzate possono essere acquistate a partire da $20 - $35 al mese, con costi che possono aumentare anche del doppio o di qualcosa in più.

Ma il concetto è che chiunque, con un piccolo investimento, può avere accesso a dei potentissimi strumenti di sorveglianza che una volta erano disponibili soltanto agli enti professionali.

Di cosa sono capaci le App Spia?

Esistono molte applicazioni spia sul mercato, ciascuna con il proprio set di funzioni e le proprie specifiche di compatibilità. Ma hanno alcune funzioni di base in comune.
 
Ecco un elenco delle funzioni di base offerte dalla tipica app spia:

Monitoraggio Chiamate - Questa funzione registrerà e memorizzerà le informazioni di base per quanto riguarda tutte le chiamate eseguite o ricevute sul dispositivo di destinazione, inclusi i numeri di telefono, i nomi dei chiamanti, data e ora delle chiamate e la loro durata.

Monitoraggio Email - Permette all'utente dell'app di accedere ai contenuti delle e-mail, incluse le informazioni di contatto, la data e l'ora
Monitoraggio SMS - Accede al contenuto dei messaggi SMS con data e ora  

Monitoraggio Chat - La maggior parte delle app spia, offrono qualche forma di monitoraggio per le chat. Alcune sono limitate ad uno o due piattaforme di chat, altre invece più avanzate, offrono il monitoraggio di quasi tutte le piattaforme popolari di chat

Cronologia Navigazione - Permette all'utente di visualizzare gli URL di tutti i siti web visitati, inclusi i dettagli sulla lunghezza delle sessioni, quanto viene spesso visitato, etc.

Monitoraggio Multimedia - Permette all'utente di accedere a video, foto e file audio memorizzati e condivisi sul dispositivo

Monitoraggio Rubrica, Calendario e Contatti - Offre all'utente l'accesso a tutte le liste di contatti, rubriche, attività e voci del calendario

Monitoraggio GPS - Registra e memorizza i dettagli riguardanti la geo localizzazione e gli spostamenti, spesso in tempo reale. Alcune applicazioni spia offrono anche la possibilità di ricevere avvisi quando il dispositivo entra o esce in una zona designata, tale funzionalità è nota come 'geo-fencing'

Molte aziende che commercializzano le app spia, offrono anche versioni premium dei loro prodotti che includono molte caratteristiche avanzate. Altre invece, che le vendono ad un prezzo superiore, offrono una sola versione che include già le caratteristiche avanzate.

Alcune delle funzioni avanzate disponibili:

Keylogger - Un keylogger registra tutti i tasti digitati nel dispositivo di destinazione, ciò significa che l'utente avrà accesso alle password o a qualsiasi altro contenuto testuale

Monitoraggio Chiamata Live - Permette all'utente di registrare e/o ascoltare le telefonate in diretta. Alcune app spia possono essere configurate per inviare un avviso istantaneo in modo che l'utente possa controllare le chiamate da e verso dei numeri designati in base a come si verificano

Monitoraggio Ambientale - Include lo spionaggio utilizzando sia la fotocamera che il microfono del dispositivo. In base alla versione, è possibile registrare l'ambiente audio e/o fare foto e video dell'ambiente del dispositivo

Qui va anche notato che, a causa di recenti problemi legali, molti produttori di app spia non offrono più alcune di queste caratteristiche avanzate, il che ci porta al nostro prossimo argomento...

questionLe App Spia Sono Legali?

Non esiste una risposta semplice e definitiva alla domanda se le applicazioni spia siano legali o meno, in parte perché le leggi sulla privacy variano in base alla location, ed in parte perchè questo tipo di software può essere utilizzato in svariati modi. Esistono, tuttavia, alcune linee guida generali del diritto che sono abbastanza universali.

Tenete presente però, che queste linee guida non sono definitive, e pertanto, se state pensando di acquistare ed utilizzare un'app spia, dovete consultare un avvocato per ciò che ne concerne il suo uso legale.

Non sto incoraggiando l'uso di tali applicazioni per scopi illegali e le mie osservazioni sul loro uso legale non devono essere considerate al pari di una consulenza legale. Dovreste essere estremamente attenti e ben informati dal punto di vista legale prima ancora di prendere in considerazione l'installazione di un'app spia sul telefono di qualcuno o sul suo dispositivo mobile.

Detto ciò, solitamente è illegale installare ed utilizzare un software di monitoraggio sugli smartphone o sui tablet di chiunque senza il loro esplicito consenso. L'unica eccezione a questa regola generale, avviene nel caso di minorenni. Se siete genitori o tutori legali di un minore, generalmente diventa legale nella maggior parte dei paesi installare un'app spia all'insaputa del bambino o senza il suo permesso.

Di seguito, esploreremo ulteriormente gli aspetti legali ed etici sull'uso di applicazioni di spionaggio, ed esamineremo come e perché vengono solitamente impiegati. Ma prima, alcuni concetti base per quanto riguarda le recenti tendenze del settore delle app spia.

La Scossa Nell'Industria Delle App Spia

È sempre esistita una zona legale “grigia” per quanto riguarda l'uso e la commercializzazione delle applicazioni di spionaggio. Dal momento che sono apparse sul mercato oltre un decennio fa, i responsabili di tali applicazioni hanno costeggiato la linea dell'illegalità.

usNei primi giorni, le aziende che hanno venduto queste applicazioni erano abbastanza sfacciate in fatto di marketing. Uno dei principali punti di vendita pubblicizzati era l'utilizzo di applicazioni di monitoraggio mobili per beccare sul fatto i partner che tradivano. Questo particolare uso delle applicazioni di spionaggio è stato certamente uno dei fattori guida nella loro popolarità, e di certo, sono uno strumento efficace per farlo.

È ovvio che, un qualsiasi partner che abbia una relazione extraconiugale, probabilmente adopera il suo dispositivo mobile per comunicare con il proprio amante segreto. Avere accesso ai registri delle chiamate insieme alla capacità di intercettare e-mail, messaggi di testo, ecc, sarebbe uno strumento potentissimo per rivelare eventuali attività clandestine.

I produttori di queste applicazioni, erano profondamente consapevoli di tale potenziale e spesso promuovevano apertamente i loro prodotti con questo obiettivo in mente. Fino a poco tempo fa, la commercializzazione di applicazioni spia rientrava in frasi come: "Il vostro partner vi tradisce? Scoprite la verità una volta per tutte!"

Per anni, c'è stato un dibattito se questo tipo di marketing, per non parlare del fatto che l'uso di queste applicazioni per tali scopi, era legale. Ma fino a poco tempo fa, i creatori di app spia continuavano a commercializzare i loro prodotti in questo modo.

Tuttavia, nel Settembre 2014, la situazione è cambiata drasticamente quando il creatore di una delle più popolari app spia presenti sul mercato, StealthGenie, è stato arrestato e il sito web della società è stato chiuso.

Il CEO della società, Hammad Akbar, è stato arrestato con l'accusa di "cospirazione, vendita e pubblicità occulta di un dispositivo di intercettazione".

Questo arresto ha provocato onde d'urto in tutto il settore delle app spia. Immediatamente, molti altri creatori di applicazioni simili hanno iniziato a modificare i loro siti web e molti altri invece hanno rimosso dai loro prodotti le caratteristiche considerate "invasive", come ad esempio il monitoraggio delle chiamate in tempo reale ed il monitoraggio ambientale.

deuxTuttavia, alcune delle aziende che producono app spia, offrono ancora questo tipo di caratteristiche. Ad esempio, due dei principali operatori del settore, mSpyFlexiSpy, offrono ancora molte delle caratteristiche avanzate come il keylogging.

Nel caso di Flexispy, l'azienda commercializza ancora il suo prodotto come un modo per scoprire i partner che tradiscono. Poichè l'azienda si trova in Thailandia, non è soggetta alle stesse leggi delle aziende residenti negli Stati Uniti e in Europa. Flexispy continua anche ad offrire il monitoraggio ambientale, ossia la registrazione audio di un ambiente del dispositivo e la possibilità di scattare foto utilizzando la fotocamera integrata del dispositivo.

Ripetiamo, l'acquisto di queste applicazioni è legale, ma il modo in cui vengono utilizzate è ciò che determina la loro legittimità. Per quanto ne so, in tutto il mondo non è legale spiare un partner senza il suo permesso, anche se questo certamente non fermerà molte persone dall'utilizzare tali applicazioni proprio per tale scopo.

A questo punto, vorrei esplorare gli specifici usi principali delle app spia e le implicazioni legali ed etiche.

Ripeto, non incoraggio l'uso di questi prodotti, soprattutto per scopi illegali, sto solo riferendo sui loro usi comuni e sulle loro conseguenze.

I tre usi più comuni delle applicazioni di spionaggio sono:

  • Monitoraggio di coniugi o amanti
  • Monitoraggio dei figli
  • Monitoraggio dei dipendenti

Monitoraggio di coniugi o amanti

Non esistono statistiche attendibili su come l'utilizzo di applicazioni spia infrangano in termini di rapporto tra chi le acquista e chi le installa per scoprire un partner o un amante, ma si può supporre che tale scopo rappresenti una percentuale considerevole nelle vendite.

Ovviamente, una buona app spia sarebbe molto efficace per scovare un imbroglio e molto meno costosa dell'assumere un investigatore privato. Utilizzando un'app spia per tale scopo, rende anche molto più facile spiare fisicamente le azioni di una persona e molto più efficace estorcere la verità in una discussione su un tradimento sospetto.

Qualcuno potrebbe sostenere che una persona abbia il diritto di spiare il proprio partner se possiede una ragione per sospettare che quest'ultimo abbia una relazione. In realtà, gran parte della commercializzazione di tali applicazioni suggeriva proprio questo, ossia che "Tu hai il diritto di sapere la verità!"

Tuttavia, ce ne sono molti che permetto di dissentire.

La maggior parte delle forze dell'ordine, ad esempio, vi dirà che è illegale spiare elettronicamente una persona, anche se si tratta del vostro coniuge legale. Esistono alcune zone d'ombra, ma, generalmente, sembra che non sia possibile utilizzare questi dispositivi per scoprire il tradimento di un coniuge o di un amante. Difatti, di solito viene considerato illegale installare ed utilizzare questo tipo di software senza il consenso dell'altra persona, ed è difficile immaginare che qualcuno dia il proprio consenso, soprattutto se sta realmente commettendo adulterio. (È anche interessante notare che esistono alcune segnalazioni di partner che consentono l'installazione di tali applicazioni sugli smartphone di entrambi nel tentativo di dimostrare che sanno essere effettivamente fedeli).

E non sono solo le forze dell'ordine ad essere preoccupati. I sostenitori dei diritti delle donne e delle organizzazioni sugli abusi domestici sono particolarmente preoccupati per l'uso di tali prodotti al punto da essere etichettati come "App Stalker".

Di certo, il fatto che queste applicazioni possano essere utilizzate da partner violenti sembra essere una preoccupazione legittima e potrebbe anche portare ad un aumento delle violenze domestiche. D'altra parte, scoprire la verità in un modo o nell'altro potrebbe porre fine ai sospetti che hanno molte persone nei confronti dei propri partners. Inoltre, nel caso in cui una persona si scopre essere innocente, si potrebbe sempre sostenere che tali applicazioni potrebbero avere anche un effetto positivo sul matrimonio o sulla relazione.

Anche il caso contrario potrebbe essere vero. Se viene dimostrato che un partner vi sta ingannando, ciò potrebbe permettere all'altro di andare avanti con la sua vita dopo aver intrapreso azioni legali appropriate come un divorzio e un trasferimento in un'altra casa.

Detto ciò, la minaccia di conseguenze legali non è sufficiente a scoraggiare alcune persone dall'uso di queste applicazioni per tale scopo, e le continue vendite in tutto il mondo di questo genere di software suggeriscono che ciò prosegue senza intoppi.

Monitoraggio dei figli

Utilizzare un'applicazione spia per monitorare un figlio, probabilmente è l'unico uso migliore e forse legittimo per tale tecnologia. Certo, sembra che questo sia l'unico uso legale dei software di monitoraggio per smartphone poiché è legale utilizzare tali applicazioni per i propri figli che hanno un'età inferiore ai 18 anni o che sono minori sotto la vostra tutela legale.

E non è affatto difficile creare un caso per farlo:

Esistono una serie di motivi per cui un genitore potrebbe voler monitorare le attività online di un figlio. Tali preoccupazioni vanno da quelle relativamente minori come sentire il bisogno di controllare la quantità di tempo che trascorre online, fino a quelle molto più gravi come la protezione dei figli dai predatori sessuali o dai bulli online.

Ho già parlato degli aspetti da dipendenza degli smartphone, e non è un segreto che l'adolescente medio trascorra quello che molti genitori considerano una quantità malsana di tempo a giocare, chattare con gli amici o a fissare lo schermo di uno smartphone.

Troppo tempo trascorso online può significare che le prestazioni scolastiche di un adolescente iniziano a diminuire o che comincia ad entrare in un mondo virtuale che incide sulla sua capacità di socializzazione. Essere online troppe ore può anche rappresentare un pericolo per la salute di un figlio, disturbi del sonno ed affaticamento degli occhi sono tra le principali preoccupazioni, ed un bambino che utilizza costantemente uno smartphone non vive correttamente di aria fresca ed esercizio fisico.

Oltre a queste preoccupazioni, esistono pericoli ancor più gravi associati ad un bambino o alla sua attività online. Il bullismo online è diventato un problema molto serio negli ultimi anni. È stato riscontrato che un bambino su cinque è stato vittima di una qualche forma di bullismo online e in alcuni casi, purtroppo, questo è sfociato in risultati molto tragici.

Adolescenti impressionabili e insicuri (e chi non è impressionabile ed insicuro a quell'età?), sono stati indotti a comportamenti suicidi dopo essere stati tormentati dai bulli online. Stiamo parlando di una minaccia reale e anche se il bullismo non termina in modo tragico, gli effetti del bullismo che si verificano normalmente in ogni scuola e nelle comunità, possono essere molto difficili da vivere o da dimenticare.

Allo stesso modo, nel mondo online esiste anche la questione del "sexting" e dei comportamenti sessuali inappropriati verso i bambini. Il sexting è molto più comune di quanto la maggior parte dei genitori possa pensare, e molti bambini sono esposti ai contenuti sessuali già in età precoce. Un'app spia può aiutare un genitore a monitorare questo tipo di attività e permettergli di intervenire prima che le cose sfuggano di mano.

Per altri motivi, i genitori scelgono di monitorare il comportamento dei loro figli online assicurandosi che non siano coinvolti in situazioni con persone malintenzionate, uso di alcool o droghe, o altri comportamenti inappropriati con i loro coetanei.

Molte applicazioni spia possono essere configurate per avvisare i genitori quando vengono usate determinate parole chiave o quando vengono contattati alcuni numeri di telefono o quando vengono ricevute chiamate da quegli stessi numeri. Questo può essere un metodo molto efficace per monitorare il comportamento di un figlio, soprattutto se il genitore non ha il tempo di controllarlo costantemente.

Ma in assoluto, gli scenari più spaventosi che coinvolgono le attività per bambini online sono le possibilità di essere vittime di predatori sessuali. I bambini sono facili prede di persone che si nascondono online in cerca di vittime. Spesso, questi malintenzionati portani i bambini al tentativo di attirarli fino ad incontrarsi di persona e le potenziali conseguenze sono terribili al solo pensiero.

Un'app spia può essere uno strumento di genitorialità estremamente potente, sia per monitorare il comportamento del proprio figlio, sia per impedire agli altri di far loro del male.

gps

Un'altra funzione utile delle app spia (e potenzialmente salvavita) che può essere interessante per i genitori è la funzione di localizzazione GPS in dotazione con la maggior parte di questi prodotti. La possibilità di monitorare un figlio in tempo reale vale di per sè il prezzo d'acquisto.

Molte applicazioni spia offrono anche una funzione citata sopra nota come geo-fencing. Tale funzione permette di designare su una mappa zone "sicure" o "ristrette", in modo da poter essere avvisati quando vostro figlio entra o esce da una di queste aree. Si tratta di una funzione molto utile per i genitori che lavorano e che, ad esempio, vorrebbero assicurarsi che il proprio figlio non lasci la scuola dopo averlo accompagnato.

Il geo-fencing può anche essere usato per evitare che un figlio vada in una zona vietata o che vada a casa di qualcuno che a vostro giudizio ha una cattiva influenza nei suoi confronti.

Un altro aspetto utile della funzione di posizione GPS si verifica nel caso in cui il dispositivo viene smarrito o rubato. I bambini sono famosi per perdere o dimenticare i loro telefoni, e questa caratteristica può aiutarvi a recuperare un costoso investimento e magari anche a catturare un criminale. (Un'altra funzione che molte applicazioni spia offrono, è la possibilità in remoto di disattivare o addirittura 'pulire' il telefono in caso di smarrimento o furto).

L'utilizzo di un'applicazione spia per monitorare un bambino potrebbe essere considerato un must al giorno d'oggi. Possiamo concordare sul fatto che un genitore non ha solo il diritto, ma anche la responsabilità di monitorare le attività online del proprio figlio. Considerando poi tutti i potenziali pericoli associati alle attività online, per non parlare del fatto che la maggior parte dei genitori non hanno il tempo materiale per tenere d'occhio i propri figli, si tratta di un argomento davvero importante.

Monitorare il comportamento online di un figlio con un'app spia è la soluzione ideale di usare questa tecnologia che mi sento decisamente di giustificare. Tuttavia, alcuni genitori possono pensare che si tratti di una violazione della fiducia e della privacy di un figlio, anche questa una forma di rispetto.

In tal caso, un genitore potrebbe trovare una soluzione mettendo al corrente il proprio figlio sul fatto che verrà monitorato, ma tale scelta dovrebbe essere lasciata ai genitori stessi. In alcuni casi, può essere meglio non informare un figlio che un'applicazione spia è stata installata sul suo telefono.

Monitoraggio dei Dipendenti

In molte aziende, è una prassi comune dare smartphone o tablet ai dipendenti. Spesso, i datori di lavoro scelgono di installare un'app spia su tali dispositivi nell'interesse di mantenere alta la produttività e proteggere i dati aziendali.

Anche se viene generalmente considerata illegale l'installazione di uno spyware sullo smartphone o sul tablet di un dipendente senza la loro conoscenza ed il loro consenso e anche se viene rilasciato dal datore di lavoro stesso, è ancora una pratica standard in molte aziende.

Come dipendente, sarebbe sciocco supporre il contrario.

Esistono sicuramente alcuni argomenti validi dal punto di vista del datore di lavoro. Oltre all'investimento dei soldi per l'acquisto del dispositivo, è ovvio che smartphone, tablet o qualsiasi altro apparecchio collegato ad Internet debba essere utilizzato solo per le attività legate al lavoro.

È difficile incolpare un datore di lavoro che desidera che il proprio dipendente non utilizzi uno smartphone rilasciato dall'azienda per andare su Facebook o per guardare i video di YouTube.
Le app spia sono molto utili anche per il monitoraggio dei dipendenti. Ad esempio, se un venditore dovrebbe essere da alcuni clienti, la funzione di posizione GPS è un metodo semplice per assicurarsi che questi si trovano dove dovrebbero.

Le applicazioni di monitoraggio possono anche essere uno strumento efficace per mantenere la produttività. Un'app spia può essere utilizzata per tenere traccia di determinate abitudini di lavoro di un dipendente, in modo da realizzare studi sul tempo associato alle prestazioni.

Lo spionaggio aziendale sta diventando sempre più comune e un'app spia offre quantomeno un ottimo grado di protezione contro la condivisione di informazioni riservate da parte di un dipendente o contro altri segreti aziendali concessi alla concorrenza.

Oltre alle implicazioni giuridiche, è facile intuire perché un datore di lavoro dovrebbe installare una di queste applicazioni su un dispositivo aziendale, e si deve supporre che la maggior parte delle aziende lo facciano già regolarmente.

Come funzionano le App Spia?

Anche se esistono alcune differenze tra i prodotti, la maggior parte delle applicazioni spia funzionano essenzialmente allo stesso modo.

La maggior parte delle aziende che vendono tali prodotti, offrono contratti mensili o annuali. Alcuni hanno contratti mensili, trimestrali, semestrali, annuali, ecc. .

Quando scegliete ed acquistate un'app spia, dovete innanzitutto scaricare il software ed installarlo sul telefono di destinazione. A seconda del prodotto e della sua compatibilità, ciò può richiedere o meno un telefono sbloccato per l'installazione. È importante controllare la compatibilità di ciascun prodotto prima di acquistarlo.

Le app spia richiedono l'accesso diretto al telefono di destinazione. In quasi tutti i casi, è necessario il codice di accesso per il dispositivo in questione.

usLa maggior parte delle applicazioni di spionaggio, in particolare quelle più popolari come mSpy e FlexiSpy, sono relativamente facili da installare, anche per i meno esperti di tecnologia. Altre invece possono essere un po' più complesse, ma la maggior parte delle aziende offre comunque il supporto per la risoluzione dei problemi attraverso i loro siti web. Potete anche controllare i nostri test e le nostre recensioni su questo sito.



Una volta installata, il cliente può impostare il suo account privato e protetto in cui verranno raccolti i dati del dispositivo mirato e da cui potrà accedere per visualizzare il tutto nel Pannello di Controllo. La maggior parte di tali applicazioni inzia a raccogliere le informazioni automaticamente, richiedendo poca o addirittura nessuna configurazione.

Quasi tutte le più popolari applicazioni di spionaggio offrono opzioni personalizzate, come ad esempio le suddette denominazioni di geofencing ed altri parametri flessibili come gli avvisi per le parole chiave.

Generalmente, queste applicazioni sono facili ed intuitive, e richiedono solo poche competenze tecniche da parte dell'utente.

Le principali applicazioni di spionaggio sono disponibili solitamente per quasi tutte le marche di smartphone e per la maggior parte dei sistemi operativi esistenti tra cui iPhone, iPad, Android, BlackBerry e Windows. Tuttavia, le funzioni disponibili variano da una marca all'altra, pertanto è importante sapere cosa state acquistando e se funzionerà come previsto sul vostro dispositivo.

Conclusioni

Come abbiamo detto all'inizio di questo articolo, la grande quantità di informazioni personali che vengono automaticamente raccolte e memorizzate dalle tecnologie che ci circondano è quasi incomprensibile in scala.

Il potenziale utilizzo di tali informazioni pone una serie di questioni giuridiche ed etiche, sia su scala macro che su micro.

Considerando il controllo dei cittadini da parte del governo e delle agenzie legislative, a molte persone sembrerebbe un po' ironico ed ipocrita che questi stessi enti cerchino di controllare il nostro uso delle tecnologie di sorveglianza a livello personale.

Difatti, l'informazione è potere, e, a quanto pare, quasi tutti come NSA, Google, hacker casuali, varie corporazioni, i nostri datori di lavoro e i nostri partners possono o stanno raccogliendo ed utilizzando le nostre informazioni personali a loro vantaggio.
Si trova solo alla ragione che ognuno di noi, come individuo, possiede di diritto e, forse, per una vera e propria necessità di raccogliere quante più informazioni possibili per coloro che abbiamo a cuore e di cui siamo responsabili.

Può essere veramente una questione se abbiamo o no il diritto di controllare gli altri, ma questo concetto vale anche per il nostro governo.

Spetta ad ogni individuo decidere come devono essere utilizzate tali tecnologie.

Nella mia vita, ad esempio, non credo che avrei mai cercato di utilizzare un'applicazione spia per monitorare mio marito, anche se lo sospettavo di una relazione extraconiugale. Personalmente, non è nella mia natura curiosare il mio partner, e se mai si perdesse il senso di fiducia su cui si basa il nostro rapporto, preferirei rinunciare al nostro matrimonio ed andare avanti (in verità questo è ciò che ho fatto in passato).

Se pensassi che aveva una relazione, glielo avrei chiesto. Se mi avesse detto di no, penso che gli avrei creduto, ma se non l'avessi fatto, non credo che l'avrei personalmente rincorso e spiato continuamente.
Ma questo è il mio parere personale sul tema, un'altra persona potrebbe non sentirsi dello stesso giudizio.

D'altra parte però, noi monitoriamo l'attività Internet dei nostri figli, ma abbiamo deciso di metterli al corrente di questo. Non è la nostra politica tenere una stretta vigilanza su tutto ciò che fanno online, crediamo infatti che sia sufficiente che sappiano che potrebbero essere controllati in qualsiasi momento, e che perderebbero i loro privilegi di smartphone se dovessimo scoprire ogni attività inappropriata da parte loro.

Per noi questo approccio sembra funzionare, e i nostri figli, quando abbiamo acquistato i loro smartphone, sapevano che ciò sarebbe diventato parte del gioco. Non hanno avuto problemi ad accettare le condizioni.

Altri partner o genitori possono scegliere un approccio diverso ed alcuni possono anche scegliere di non installare un'app spia sul telefono. La linea di fondo, è che questa tecnologia è là fuori, ed è più comunemente usata di quante persone possano pensare.

phoneTutti dovrebbero sapere della loro esistenza e che sono una delle principali motivazioni per cui ho scritto questo articolo. Quando ho scoperto le applicazioni di spionaggio e quanto sono potenti ed economiche, per non parlare di come siano facilmente disponibili, sono rimasta scioccata.

Da quel momento, ho imparato tanto sulla tecnologia ed ho scritto diversi articoli inerenti il loro uso. Ho anche trovato un utilizzo per loro nella mia vita, soprattutto per proteggere e monitorare i miei figli.

Una cosa che sembra certa, è che questa tecnologia non andrà via presto, anche se le autorità stanno cercando di metterla fuori legge.

Ripetiamo, dovreste essere molto attenti se avete intenzione di acquistare ed utilizzare una di queste applicazioni e dovreste consultare un legale esperto prima di farlo. Non utilizzate questo articolo come guida per le implicazioni legali del loro uso e tenete a mente che le leggi sulla privacy variano da un luogo all'altro.

Spero che troverete questo articolo utile e che vi renda più consapevoli di una tecnologia di cui non conoscevate nemmeno l'esistenza fino ad ora. In ogni caso, se scegliete di acquistare ed utilizzare un'app spia, mi auguro che la utilizzerete in modo responsabile.

Ultima modifica il Sabato, 18 Aprile 2015 19:19