Giovedì, 01 Settembre 2016 04:50

Un tasso di suicidio in costante aumento negli Stati Uniti

Dalla fine degli anni '90, persevera un fenomeno costante, un evento agghiacciante perché è realtà, il tasso di suicidi dei giovani negli Stati Uniti è in aumento di anno in anno.

Questo dato è in costante crescita da oltre dieci anni, influenzando i giovani e in particolare le ragazze il cui tasso di suicidio è aumentato del 200%. Non a caso nel nostro precedente articolo abbiamo esaminato i casi delle "American Girls".

Il suicidio dei giovani: una piaga negli Stati Uniti

Negli ultimi quindici anni il tasso di suicidi negli Stati Uniti è salito del 25% e colpisce, secondo le statistiche del governo degli Stati Uniti, le ragazze nella fascia di età tra i 10 e i 14 anni.

Il tasso di suicidi non è un segreto, giornali e media locali riportano costantemente sfortunate vicende e serie preoccupazioni da parte delle autorità, ma soprattutto da parte dei genitori.

Il direttore della sezione psichiatrica dell'ospedale Zucker Hillside di New York, Victor Fornari, ha detto: "Si tratta di una preoccupazione reale (…), penso che possa essere l'esempio lampante dell'eccesso di social network ed Internet. Nelle cyber-molestie. i giovani sono esposti sempre di più rispetto alle precedenti epoche".

Questo è vero. Più che mai, i giovani dell'era digitale si trovano dinanzi a situazioni che per i genitori erano sconosciute. Oggi invece, i giovani sono impegnati in attività come il sexting o la condivisione di video, conoscono la pornografia prima dei 14 anni e navigano in rete in totale autonomia essendo già digitalmente dotati. Sì, smartphone e tablet hanno cambiato i nostri ragazzi.

Prevenzione e monitoraggio

Le cyber-molestie sono uno dei fattori primari che spingono un adolescente al suicidio. Purtroppo oggi molti casi sono ben noti, ma oltre alle molestie online, anche tutte le altre attività di internet possono essere dannose per giovani dai 10 ai 14 anni.

Video con contenuti per adulti, dipendenza da giochi online, predatori sessuali, incontri online ecc.. Internet ha offerto un mondo libero dalle informazioni, ma anche un pericoloso campo minato.

Software capaci di monitorare le attività online dei figli

Il miglior modo, come sempre, è quello di prevenire piuttosto che curare. Difatti, i genitori oggi sono ben equipaggiati e non hanno più bisogno di spiare i propri figli dalla porta della stanza per controllare cosa fanno sul PC o sullo Smartphone.

Oggi infatti esistono molti strumenti di controllo come gli spyware o i programmi di monitoraggio mobile, come ad esempio applicazioni tipo mSpy e FlexiSPY, solo per citarne alcune, software dotati di funzionalità di registrazione delle attività.

Una volta installato sul dispositivo di destinazione, il software di spionaggio per cellulari permette di rilevare tutte le attività che si verificano come chiamate in arrivo, SMS, e-mail, foto e video salvati, conversazioni delle chat (WhatsApp, Tinder, Viber, Telegram, ecc)...

Queste attività vengono poi suddivise in categorie ed elencate in un pannello di controllo online a cui il genitore ha accesso tramite una password di sicurezza, dal momento che ha acquistato la licenza.

Più che mai, il mondo odierno obbliga qualsiasi genitore preoccupato a monitorare e tenere d'occhio tutte le attività digitali del proprio figlio. Software di spionaggio, comunicazione in famiglia e fiducia, ogni mezzo deve essere utilizzato al meglio per proteggere e prevenire questa pericolosa piaga del suicidio.

Ultima modifica il Venerdì, 02 Settembre 2016 04:52